Applicazione tariffe INAIL: I chiarimenti su casi pratici

Applicazione tariffe INAIL: I chiarimenti su casi pratici

Lug 21, 2019 News Di admin

Tirocini formativi, pilotaggio di droni e particolari attività industriali e commerciali. Sono molto ampi gli ambiti applicativi rispetto ai quali l’INAIL è intervenuta per fornire chiarimenti riguardanti l’applicazione pratica del nuovo sistema di classificazione tariffaria. Le Faq rilevanti per l’intero territorio nazionale sono state raggruppate e pubblicate nella nota operativa del 17 luglio 2019.

 
L’INAIL ha pubblicato una nota operativa contenente numerosi chiarimenti in merito alle Faq pervenute in materia di classificazione tariffaria.
Commercio e riparazione
Non si configurano come attività di produzione o riparazione piccole sistemazioni degli oggetti che, pur necessitando dell’intervento di un operatore o dell’uso di strumenti e accessori specifici, possono essere eseguiti anche su un bancone di vendita.
A titolo di esempio, non possono essere considerati produzioni/riparazioni le sostituzioni di batterie di orologi o cellulari e di naselli di occhiali, la rimozione di maglie da bracciali o cinturini, la lucidatura/pulizia di oggetti di gioielleria con panni appositi, il confezionamento di prodotti venduti alla spina, il settaggio di apparecchiature, l’aggiustamento della calzata delle aste degli occhiali.
Mobili in metallo
Quando in tariffa è previsto un prodotto esso è da intendersi completo: la realizzazione di una singola parte di esso non può essere riferita alla produzione del prodotto completo.
Tuttavia, nel caso dei mobili, se si tratta di mobili metallici forniti in kit da montare è necessario fare riferimento alla voce 6215.
La realizzazione grezza di una struttura metallica che richiede ulteriori lavorazioni, p.e. di finitura (verniciatura, lucidatura, trattamenti galvanici ecc.) o il montaggio di altri componenti o accessori, quali braccioli, piedini, ruote, meccanismi, rientra invece nella voce 6212.
Pilotaggio remoto di droni
La voce 9150 (Industria) include l’uso di aeromobili a pilotaggio remoto per il solo trasporto. Pertanto un’azienda che effettua trasporti con aeromobili in cui una della fasi del trasporto è effettuata “anche” tramite droni va classificata alla 9150.
Molti droni sono invece utilizzati per operazioni diverse, ad es. riprese o rilievi aerei (ad esempio 0511 o 0710 od altro della medesima gestione industria). I piloti di droni non rientrano tra personale di volo, pertanto la classificazione afferisce alle lavorazioni principali.
Tirocini formativi
Il tirocinio viene attivato sulla base di una convenzione stipulata tra l’ente promotore e il soggetto ospitante, e di un progetto formativo, definito e sottoscritto sia dai soggetti ospitante e promotore, sia dal tirocinante.
In generale le voci del gruppo 0600 riguardano espressamente l’istruzione e la formazione professionale e possono essere applicate solo in tale ambito.
Si applicano le voci del gruppo 0600 se l’attività svolta dal tirocinante è assicurata, secondo quanto espressamente previsto dalla convenzione, da un ente di istruzione e formazione professionale.
In presenza di un soggetto promotore ente di istruzione e formazione professionale, che svolge direttamente attività di istruzione e/o formazione professionale, le voci da applicare sono:
– 0610 (gestione Industria), 0610 (gestione Artigianato), 0611 (gestione Terziario), 0611 (gestione Altre Attività) in caso di tirocini formativi che non comportino la partecipazione alle lavorazioni aziendali, ossia costituito da moduli di apprendimento di nozioni generali svolti in aula
– 0640 (gestione Industria), 0640 (gestione Artigianato), 0616 (gestione Terziario), 0616 (gestione Altre Attività) in caso di tirocini formativo che comportino la partecipazione del tirocinante alle lavorazioni esercitate dall’azienda. In tale voce sono ricomprese anche i moduli di apprendimento in aula.
Per quanto riguarda i tirocini svolti nell’ambito di programmi di recupero, in favore di disabili e persone svantaggiate (promossi da aziende sanitarie, comuni, uffici di piano delle comunità montane etc.), la voce da applicare è la 0314.
Sono assicurati con il premio speciale unitario, previsto dall’art. 32, comma 8, del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 150, gli allievi iscritti ai corsi ordinamentali di istruzione e formazione professionale, curati dalle istruzioni formative e dagli istituti scolastici paritari, accreditati dalle Regioni per l’erogazione dei percorsi di istruzione e formazione professionali.
Attività di doposcuola
Le attività di doposcuola possono essere diverse (ripetizioni, attività sportive, attività ludiche) e pertanto per individuare un riferimento tariffario occorre analizzare quanto svolto e individuare una voce di tariffa in cui la lavorazione sia espressamente prevista o alla quale l’attività possa essere ricondotta per analisi tecnica.
Il nomenclatore (terziario) prevede le seguenti voci:
– 0611 per l’istruzione, a cui possono essere riferite attività di tipo scolastico come ripetizioni o lezioni di musica, di arte, ecc.;
– 0611 per gli insegnanti o istruttori sportivi;
– 0580 per la gestione degli impianti sportivi, a cui riferire l’intera attività se il doposcuola è organizzato e svolto da associazioni/enti che gestiscono impianto sportivi;
– 0614 per le ludoteche per bambini, a cui riferire le attività ludiche per bambini, compresi i baby parking che con la precedente tariffa erano riferiti alla voce 0312.

Lascia un commento

Privacy Policy Settings

X